in 
Benessere

Pancia gonfia: cosa fare? Cause e rimedi per il gonfiore addominale

Tempo di lettura:  
10 minuti
L

a sensazione di pancia gonfia è un problema comune che molte persone affrontano quotidianamente.

Il gonfiore addominale può essere fastidioso e sgradevole, influenzando il benessere generale e la qualità della vita. Ma quali sono le cause del gonfiore addominale e in che modo possiamo liberarcene?

I motivi per cui riscontrare questo disturbo possono essere molteplici e comprendono fattori alimentari, abitudini di vita, condizioni mediche e stress emotivo.

Nella maggior parte dei casi, ci sono diverse strategie e rimedi che possiamo attuare per gestire e alleviare il gonfiore addominale, migliorando il comfort e il benessere generale.

In questo articolo, esploreremo le cause più comuni e cosa fare per la pancia gonfia in base al caso particolare.

termine flora batterica intestinale rischio età esempio processi senso genere percentuale pasti entrambi bocca alimenti carbone vegetale
Gonfiore addominale: cosa fare? 

Sintomi del gonfiore addominale

I sintomi del gonfiore addominale possono variare da persona a persona e possono essere associati a una serie di altre condizioni mediche.

Tuttavia, i sintomi comuni del gonfiore includono:

  1. Sensazione di pienezza o distensione addominale;
  2. Aumento del volume dell'addome;
  3. Sensazione di pesantezza o disagio nell'area addominale;
  4. Flatulenza e produzione eccessiva di gas (meteorismo);
  5. Sensazione di gonfiore dopo aver mangiato;
  6. Crampi addominali o dolori;
  7. Sensazione di nausea o disagio digestivo;
  8. Stitichezza;
  9. Rumori addominali e gorgoglii

È importante notare che il gonfiore addominale può essere sintomo di condizioni più gravi, come problemi gastrointestinali, sindrome dell'intestino irritabile (IBS), intolleranze alimentari, problemi di digestione, o altre condizioni mediche.

Pertanto, se i sintomi persistono o peggiorano, è consigliabile consultare un medico per una valutazione e una diagnosi appropriate.

Cause del gonfiore addominale

Le cause del gonfiore addominale possono essere diverse, e non per forza legate a vere e proprie patologie.

Nella maggior parte dei casi, infatti, si tratta di disturbi causati da scelte scorrette a tavola, e sono risolvibili adottando una dieta più sana ed equilibrata.

In altri casi, invece, è possibile che il gonfiore sia il risultato di patologie e disturbi, perciò è importante non ignorare alcun sintomo e fare i dovuti accertamenti.

Esaminiamo da più vicino ognuna delle possibili cause.

-Alimentazione scorretta

Come dicevamo, in moltissimi casi il problema è da ricercarsi nell' alimentazione.

Una dieta ricca di cibi ad alto contenuto di grassi, zuccheri raffinati, cibi trasformati, bevande gassate e cibi piccanti può causare problemi digestivi e gonfiore.

Questi alimenti possono essere difficili da digerire e possono causare produzione eccessiva di gas nell'intestino, contribuendo al gonfiore.

Inoltre, una dieta carente di fibre può causare stitichezza, che è spesso associata al gonfiore addominale.

caso disturbi dolore flora aria dieta intestino rimedi gas stomaco quantità aria stomaco pancia maggior parte gonfiore
Alimentazione: le scelte che fai contano

-Possibili intolleranze alimentari

Le intolleranze alimentari, come l'intolleranza al lattosio o al glutine, possono causare gonfiore dopo l'assunzione di determinati alimenti.

Queste problematiche si verificano quando il corpo è incapace di digerire correttamente certi nutrienti presenti negli alimenti, causando sintomi gastrointestinali come gonfiore, gas, crampi addominali, diarrea o stitichezza.

L'intolleranza al lattosio, ad esempio, è comune e si verifica quando il corpo non produce sufficienti quantità dell'enzima lattasi necessario per digerire il lattosio, lo zucchero presente nel latte e nei latticini.

Per gestire il gonfiore addominale causato da un'alimentazione scorretta o da un'intolleranza alimentare, è consigliabile adottare un'alimentazione equilibrata e varia, ricca di frutta, verdura, cereali integrali, proteine magre e grassi sani.

Inoltre, è importante identificare e evitare gli alimenti che possono scatenare sintomi di intolleranza alimentare e consultare un professionista per una valutazione accurata e un piano di gestione personalizzato.

Ci sono poi situazioni anche più gravi, come per esempio la celiachia. In quel caso, infatti, potresti anche non avere alcun sintomo, ma nel tempo continuare a esporti al glutine potrebbe causare danni seri al tuo organismo.

Perciò, se pensi di avere qualche intolleranza alimentare, non aspettare oltre per fare gli esami.

punto di vista ventre relazione fastidio indice frutti di bosco consigli livello pasto
Alimenti che possono dare intolleranza

-Problemi all' intestino

I problemi intestinali possono essere una causa comune del gonfiore.

Ecco alcuni esempi di problemi intestinali che possono contribuire al gonfiore:

  1. Sindrome del colon irritabile (IBS): Questa è una condizione cronica che colpisce il funzionamento normale dell'intestino;

  2. Disbiosi intestinale: Si riferisce a uno squilibrio della flora batterica intestinale. Se ci sono troppe "cattive" batterie e non abbastanza "buone" batterie, può verificarsi un'infiammazione intestinale e una maggiore produzione di gas, causando gonfiore addominale e altri sintomi digestivi;

  3. Infezioni intestinali: Le infezioni da batteri, virus o parassiti possono causare infiammazione intestinale e disturbi digestivi, inclusi gonfiore, diarrea, dolore addominale e nausea;

  4. Malattie infiammatorie intestinali (IBD): Queste sono condizioni croniche che causano infiammazione dell'intestino, come la malattia di Crohn e la colite ulcerosa.

Per gestire il gonfiore causato da problemi intestinali, è importante consultare un medico per una valutazione e una diagnosi appropriate.

Il trattamento dipenderà dalla causa sottostante e potrebbe includere cambiamenti nella dieta, farmaci, terapie per il controllo dello stress e altri approcci terapeutici specifici per il problema intestinale individuale.

-Sensibilità ai FODMAP

La sensibilità ai FODMAP (Fermentable Oligosaccharides, Disaccharides, Monosaccharides, and Polyols) può essere una causa significativa del gonfiore addominale e di altri sintomi gastrointestinali.

I FODMAP sono carboidrati a catena corta che possono essere difficili da digerire per alcune persone: una dieta a basso contenuto di FODMAP, in questo caso, potrebbe essere la soluzione migliore.

-Stress

Anche lo stress può sicuramente contribuire al gonfiore addominale.

La relazione tra stanchezza mentale e il gonfiore addominale è complesso e può essere influenzato da diversi fattori:

  1. Attivazione della risposta allo stress: Quando sei stressato, il tuo corpo può attivare la risposta alle situazioni stressanti, che coinvolge il sistema nervoso simpatico e l'asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA). Questa risposta può influenzare la funzionalità intestinale e digestiva, portando a sintomi come gonfiore e crampi;

  2. Cambiamenti nelle abitudini alimentari: Questo status mentale può influenzare le tue scelte alimentari, portandoti a mangiare troppo velocemente, a consumare cibi ad alto contenuto di grassi o zuccheri, o a trascurare i pasti. Questi cambiamenti nell'alimentazione possono influenzare la digestione e la flora batterica intestinale, contribuendo al gonfiore;

  3. Infiammazione: Lo stress cronico può innescare una risposta infiammatoria nel corpo, incluso nell'intestino. L'infiammazione intestinale può causare un aumento della permeabilità intestinale e alterazioni nella flora batterica, che possono contribuire al gonfiore addominale e ad altri sintomi gastrointestinali;

  4. Tensione muscolare: Vivere una situazione stressante può causare tensione muscolare nell'addome e nella regione pelvica, che può influenzare il movimento intestinale e la funzione digestiva, contribuendo così al gonfiore.

Inoltre, quando siamo stressati aumenta la produzione di cortisolo, la cui presenza ha una correlazione con il gonfiore della pancia.

flora dolore disturbi esempio bevande caso medico pasti quantità dolori meteorismo bocca persone pasti fastidio medico
Stress

Cause ormonali

Ci sono poi delle cause nelle variazioni ormonali che possono causare la pancia gonfia.

Una in particolare è la sindrome premestruale (PMS), una condizione che coinvolge una serie di sintomi fisici, emotivi e comportamentali che si verificano nelle donne prima del ciclo mestruale.

Con l'aumento della ritenzione idrica, della sensibilità intestinale e delle fluttuazioni ormonali, è molto comune riscontrare gonfiore in quel periodo.

Legato sempre alle donne, poi, anche aver partorito da poco può essere un motivo per la pancia gonfia, ed è del tutto normale.

La diastasi addominale, in questo periodo, è un problema piuttosto comune, e consiste in una distensione dei muscoli in questa zona del corpo.

L'esercizio fisico in questo può aiutare: scopri il programma Pilates per Diastasi Addominale di Buddyfit!

intestino rimedi disturbo aria digestione dieta pasto modo livello caso bevande esempio consigli processi particolare disturbi parte

Cosa fare per la pancia gonfia?

Ora che conosciamo i motivi per cui può insorgere, scopriamo anche i possibili rimedi.

Naturalmente, essendo che il gonfiore dell'addome può provenire da diverse cause, il modo migliore per liberarsene è adottare un approccio multifattoriale.

Cambiamenti nello stile di vita a 360 gradi sono la soluzione ideale per favorire il nostro benessere e, dunque, alleviare la tensione addominale.

-Alimentazione: cosa mangiare contro il gonfiore addominale

Quando si tratta di alleviare il gonfiore addominale attraverso l'alimentazione, è importante concentrarsi su cibi che possono aiutare a ridurre l'infiammazione e promuovere la funzione digestiva sana.

Ecco alcuni alimenti che possono essere utili per contrastare il gonfiore:

  1. Alimenti ricchi di fibre: Le fibre possono aiutare a migliorare la regolarità intestinale e prevenire la stitichezza, che è spesso associata al gonfiore. In un giorno dovresti consumare almeno 30 grammi di fibre, perciò opta per frutta fresca, verdura, cereali integrali, legumi e semi;

  2. Acqua: Bere abbondante acqua può aiutare a prevenire la ritenzione idrica e mantenere l'idratazione adeguata, riducendo così il gonfiore addominale. Evita le bevande gassate e quelle zuccherate, che possono causare gonfiore. Anche l'acqua gassata può dar fastidio in questo caso;

  3. Yogurt e alimenti fermentati: I probiotici presenti nello yogurt e negli alimenti fermentati come il kefir, il kimchi e i crauti possono aiutare a mantenere un equilibrio sano della flora intestinale, riducendo così il gonfiore;

  4. Zenzero: Lo zenzero è noto per le sue proprietà antinfiammatorie e digestive. Aggiungere zenzero fresco o in polvere alle tue ricette può aiutare a ridurre il gonfiore;

  5. Ananas: L'ananas contiene un enzima chiamato bromelina, che può aiutare a scomporre le proteine e favorire la digestione. Mangiare ananas fresco o bere succo di ananas naturale può aiutare a ridurre il gonfiore;

  6. Tè alla menta: La menta è conosciuta per le sue proprietà digestive e può aiutare a ridurre il gonfiore addominale. Bere tè alla menta dopo i pasti può favorire la digestione e alleviare il disagio addominale;

  7. Banane: Le banane sono ricche di potassio, che può aiutare a ridurre la ritenzione idrica e il gonfiore addominale. Inoltre, le banane contengono fibre, che possono aiutare a migliorare la regolarità intestinale.

Ricorda di prestare attenzione alle tue reazioni individuali agli alimenti e di evitare cibi che possono causare gonfiore o disagio addominale.

Inoltre, mangiare lentamente, masticare bene e evitare di mangiare troppo velocemente può aiutare a prevenire il gonfiore.

Se il gonfiore persiste nonostante le modifiche dietetiche, consulta un medico per una valutazione più approfondita.

quantità pesantezza processi popolazione consigli alimentazione aria stomaco gonfiore pancia rimedi sensazione pancia gonfia
Alimenti ricchi di fibre

-Esercizio fisico: ci sono esercizi più indicati per sgonfiare la pancia?

Alcuni esercizi possono essere particolarmente efficaci nel ridurre il gonfiore addominale e tonificare i muscoli addominali.

Ricorda però che non esistono esercizi per ridurre la pancia, ma è fondamentale adottare un approccio combinato di esercizio cardio, per bruciare calorie, ed esercizi per gli addominali in modo da rinforzarli.

Ecco alcuni esercizi che potresti voler includere nella tua routine di allenamento per sgonfiare la pancia:

  1. Crunches: I crunches sono un esercizio classico per tonificare gli addominali;

  2. Plank: Il plank è un esercizio efficace per rafforzare gli addominali, il core e la parte superiore del corpo;

  3. Mountain climbers: Questo esercizio è molto efficace sia per gli addominali sia come movimento cardio, in quanto molto intenso;

  4. Leg raises: I leg raises sono un esercizio molto efficace per allenare gli addominali bassi, il punto in cui spesso si accumula il gonfiore;

  5. Bicycle crunches: Questo esercizio coinvolge principalmente gli addominali obliqui;

  6. Yoga: Alcune posizioni yoga, come il cobra, la posizione del bambino e il gatto-vaca, possono aiutare a rilassare i muscoli addominali, migliorare la funzione digestiva e ridurre il gonfiore addominale;

  7. Esercizi cardio: L'esercizio aerobico come la corsa, il nuoto o la camminata veloce può aiutare a bruciare calorie in eccesso e a ridurre il grasso corporeo complessivo, compreso quello nell'area addominale.

Pratica regolarmente questi esercizi e mantieni una dieta sana ed equilibrata per ottenere i migliori risultati nel ridurre il gonfiore addominale e tonificare i muscoli addominali.

Consulta sempre un professionista prima di iniziare qualsiasi nuovo programma di esercizio, specialmente se hai condizioni di salute preesistenti.

sindrome del colon irritabile sensazione intestino pancia gonfia digestione tensione pasto sintomi modo condizione caso cibi

-Benessere mentale: ritrovalo per alleviare la tensione

Alleviare la tensione e migliorare il benessere mentale è essenziale per ridurre il gonfiore addominale e promuovere la salute complessiva.

Infatti, ridurre la produzione di cortisolo e adottare tecniche di rilassamento, come la mindfulness, può aiutare a rilassare il corpo, non solo la mente, riducendo la tensione sui muscoli.

Inoltre, la gestione dello stress in un modo positivo porta anche alla produzione di ormoni della felicità, ristabilendo così un senso di calma e di equilibrio mentale.

Ricorda che prendersi cura della tua salute mentale è importante quanto prendersi cura del corpo.

Scegli le strategie che funzionano meglio per te e sii gentile con te stesso mentre lavori per migliorare il tuo benessere mentale.

Se hai difficoltà a gestire lo stress o altri problemi di salute mentale, non esitare a cercare aiuto da un professionista della salute mentale.

pancia gonfia flora batterica intestinale tensione accumulo cibi termine distensione fattori una persone produzione di gas
Benessere mentale e pancia gonfia

Ricorda che...

Avere un addome piatto è una condizione che riguarda diversi fattori, tra cui anche la genetica.

Puoi fare tutti i tentativi che vuoi, ma se la tua struttura ossea è fatta in un certo modo, e i tuoi organi sono posizionati in un certo modo, difficilmente andrai a ottenere la pancia piatta, anche eliminando il gonfiore.

È fondamentale capire questo per potersi innanzitutto accettare: migliorarsi è giusto e fa bene, ma solo con la consapevolezza che ci sono dei limiti su ciò su cui possiamo intervenire.

sindrome del colon irritabile rimedi sensazione flora batterica intestinale sintomo tubo digerente cibi caso condizione livello modo alimentazione
Pancia piatta: non sempre è possibile ottenerale (e va bene così)