in 
Benessere

Perché ho la pancia gonfia? 9 possibili cause del gonfiore addominale

Tempo di lettura:  
10 minuti
S

ono in molti a chiedersi: "ma perché ho la pancia gonfia?". Soprattutto per le donne, infatti, questo è un genere di disturbo comune e ricorrente, e che provoca anche un certo fastidio.

Non solo per quanto riguarda l'aspetto fisico: il gonfiore addominale è una condizione che, spesso, porta con sé anche altri sintomi, tra cui bruciore di stomaco, dolore e crampi.

Capire il motivo per cui insorge, quindi, può essere davvero utile per promuovere una salute generale e completa.

Le cause di questo sintomo possono essere diverse, perciò approfondiamo l'argomento in questo articolo e scopriamo in quali casi può verificarsi.

popolazione modo pasto percentuale presenza abitudine bocca intestino maggior parte aria pancia gonfia maniera

Cosa si intende con gonfiore addominale?

Il gonfiore addominale, anche conosciuto come distensione addominale, si riferisce a un aumento visibile o avvertito delle dimensioni dell'addome, spesso accompagnato da sensazioni di pienezza, pressione o disagio.

Questo sintomo può variare da lieve a grave e può essere temporaneo o persistente.

Il gonfiore addominale può manifestarsi in diverse forme, tra cui:

  1. Dilatazione visibile: L'addome appare ingrossato o proteso, dando l'impressione di un aumento delle dimensioni. Questo può essere più evidente alla fine della giornata o dopo i pasti;

  2. Sensazione di pienezza: La persona può avvertire una sensazione di pienezza o distensione nell'addome, anche se l'addome stesso non sembra particolarmente ingrossato;

  3. Disagio o dolore: Il gonfiore addominale può essere accompagnato da sensazioni di disagio o dolore nell'area addominale. Questo dolore può variare da lieve a grave e può essere localizzato in una determinata area o diffuso in tutto l'addome.

È normale avere la pancia gonfia di sera?

È importante specificare che un po' di gonfiore addominale alla sera, dopo aver mangiato e bevuto per tutta la giornata, è del tutto normale.

Nei casi in cui diventa una condizione più frequente anche durante il resto della giornata, o comunque porta con sé una serie di altri sintomi, allora si tratta di una condizione da monitorare.

Il gonfiore addominale può influenzare negativamente la qualità della vita di una persona, causando disagio fisico e psicologico.

È importante consultare un medico se il gonfiore addominale è persistente, grave, accompagnato da altri sintomi o se interessa la tua qualità di vita.

Il medico può eseguire un esame fisico, chiedere eventuali test diagnostici e consigliare un trattamento appropriato in base alla causa sottostante del gonfiore addominale.

Pancia gonfia: quali sono le cause possibili

Scopriamo ora 9 cause possibili della pancia gonfia:

1. Ingestione di aria

L'ingestione di aria è una delle cause più comuni della pancia gonfia.

Mangiare troppo velocemente, parlare mentre si mangia o bere con la cannuccia sono tutte azioni che contribuiscono a ingerire aria in eccesso, così come anche il fumo e masticare spesso gomme.

Nella maggior parte dei casi, basta eliminare questi comportamenti -o ridurli- per diminuire drasticamente la pancia gonfia.

2. Eccesso di gas intestinale

L'eccesso di gas intestinale è una delle cause più comuni di gonfiore addominale.

Il gas intestinale è prodotto come sottoprodotto della digestione dei cibi nel tratto digestivo e può accumularsi nell'intestino, causando distensione addominale e sensazione di gonfiore.

Flatulenze e meteorismo sono un segnale di questo accumulo di gas, e uno dei motivi potrebbe essere la sensibilità ai cibi FODMAP.

3. Intolleranze alimentari

Le intolleranze alimentari sono un altro motivo comune per il gonfiore.

Un'intolleranza alimentare si verifica quando il corpo non è in grado di digerire correttamente certi alimenti a causa di una carenza di enzimi digestivi o di una sensibilità a determinati componenti degli alimenti.

Le più comuni sono intolleranza al lattosio e al glutine, ovvero celiachia.

4. Hai mangiato più del solito

Finora non abbiamo considerato una delle cause più semplici: magari hai semplicemente mangiato troppo.

Se hai superato il tuo livello di sazietà e hai continuato a mangiare, semplicemente per gusto, potresti aver riempito troppo lo stomaco.

In questo caso, il gonfiore sparirà nel giro di qualche ora, più probabilmente dopo una bella dormita.

5. Sindrome premestruale

La sindrome premestruale (PMS) può essere associata a una serie di sintomi fisici, tra cui la sensazione di gonfiore addominale.

Durante la fase premestruale del ciclo mestruale, molte donne possono avvertire un aumento del gonfiore addominale, che è spesso attribuito a cambiamenti ormonali e ritenzione idrica.

Le fluttuazioni ormonali che si verificano nell'organismo durante la fase premestruale possono influenzare diversi sistemi, inclusi quelli che regolano la digestione e il bilancio idrico.

In particolare, i livelli di estrogeni e progesterone possono avere un impatto sulla ritenzione idrica e sulla regolazione del sodio nell'organismo, il che può portare a gonfiore e sensazione di distensione addominale.

6. Sindrome del colon irritabile

La sindrome dell'intestino irritabile (IBS) è un disturbo comune dell'intestino che può causare sintomi come dolore addominale, gonfiore, crampi, diarrea e/o stitichezza.

La causa esatta della sindrome dell'intestino irritabile non è chiara, ma si ritiene che coinvolga una combinazione di fattori, tra cui disfunzioni nel sistema nervoso intestinale, sensibilità intestinale aumentata, infiammazione e squilibri nella composizione della flora batterica intestinale.

I sintomi della sindrome dell'intestino irritabile possono variare da persona a persona e possono essere scatenati da diversi fattori, compresi gli alimenti, lo stress, le variazioni ormonali e altri trigger ambientali o emotivi.

7. Ansia e stress

Forse non lo sai, ma anche ansia e stress possono essere la causa del gonfiore.

Questo perché lo stress cronico porta a un aumento del livello di cortisolo nell'organismo, noto anche come ormone dello stress.

Un livello elevato di questo ormone può condurre a condizioni di difficoltà nella digestione, rallentando così il transito intestinale.

Inoltre, quantità elevate di cortisolo ci portano a cattive abitudini alimentari, e influenzano anche i nostri comportamenti, portandoci a desiderare più fortemente cibi grassi e ad alto contenuto calorico.

flora batterica intestinale meteorismo genere stomaco disturbo tensione rimedi causa quantità patologie caso errori espulsione

8. Cattive abitudini alimentari

Le cattive abitudini alimentari sono un altro dei fattori che possono contribuire al gonfiore:

  1. Mangi troppo sale: Il sodio è un minerale che può causare ritenzione idrica nell'organismo, portando a accumulo di acqua e gonfiore, specialmente nell'addome, nelle gambe e nelle caviglie. Le cattive abitudini alimentari che comportano un'elevata assunzione di cibi ad alto contenuto di sodio, come snack salati, cibi processati e fast food, possono aumentare il rischio di distensione addominale;

  2. Consumi troppe bevande gassate: Le bevande gassate contengono anidride carbonica, che può accumularsi nell'intestino e causare gonfiore e gas. Bere bevande gassate in grandi quantità può contribuire al gonfiore addominale, e anche l'acqua frizzante può causare lo stesso effetto;

  3. Mangi troppo velocemente: Mangiare troppo velocemente o non masticare bene il cibo può causare ingestione di aria, che può portare a gonfiore e gas nell'addome;

  4. Dieta povera di fibre: Una dieta povera di fibre può causare stitichezza e rallentare il transito intestinale, contribuendo alla distensione addominale. Le fibre aiutano a mantenere regolare la flora batterica intestinale e a prevenire la stitichezza;

  5. Intolleranze alimentari: Le cattive abitudini alimentari possono includere il consumo di alimenti ai quali si è intolleranti o sensibili. L'intolleranza alimentare può causare gonfiore addominale, gas, dolore e altri sintomi gastrointestinali;

  6. Consumo eccessivo di cibi ad alto contenuto di grassi o zuccheri: Una dieta ricca di cibi ad alto contenuto di grassi saturi, zuccheri aggiunti e alimenti processati può contribuire al gonfiore addominale. Questi cibi possono essere più difficili da digerire e possono causare disagio nell'addome.

Per ridurre il gonfiore addominale associato a cattive scelte alimentari, è consigliabile adottare un'alimentazione equilibrata e salutare, che includa una varietà di alimenti nutrienti come frutta, verdura, cereali integrali, proteine magre e grassi sani.

Alterazione diagnosi menopausa e mail malattia particolare tratto gomme modo medico caso parte esempio stomaco rimedi quantità
Abitudini alimentari: possono fare la differenza

9. Non bevi abbastanza acqua

Anche non bere abbastanza acqua può contribuire al gonfiore addominale.

Infatti, se non bevi abbastanza acqua il tuo organismo può reagire trattenendo i liquidi per preservare l'idratazione.

Questa ritenzione idrica può manifestarsi come gonfiore, specialmente nelle gambe, nelle caviglie e proprio nell' addome.

Inoltre, la disidratazione può rendere le feci più secche e difficili da passare, aumentando il rischio di stitichezza, la quale può causare gonfiore addominale e disagio.

Per concludere, poi, l'acqua è essenziale per mantenere una digestione adeguata.

Una mancanza di idratazione può rallentare i processi di digestione e causare problemi come gonfiore, gas e sensazione di pesantezza.

Per evitare questi problemi, è importante bere abbastanza acqua ogni giorno.

Le linee guida generali suggeriscono di bere circa 8 bicchieri d'acqua al giorno, che corrispondono a 2 litri, ma le esigenze individuali possono variare in base a fattori come il clima, l'attività fisica e le condizioni di salute.

Assicurati di bere acqua regolarmente durante il giorno e ascolta il tuo corpo per soddisfare le tue esigenze di idratazione.

gas pancia gonfia sindrome del colon irritabile rimedi caso bevande particolare flora batterica fretta fastidio presenza
Idratazione: è fondamentale

Ha senso fare gli addominali per ridurre la pancia gonfia?

Quando la tensione nell'addome è persistente, molte persone si "rifugiano" negli esercizi per gli addominali nel tentativo di ottenere un ventre più piatto. Ma ha senso farlo?

Fare esercizi addominali può essere utile per rafforzare i muscoli addominali e migliorare la tonicità dell'area addominale, ma non è direttamente correlato alla riduzione del gonfiore addominale.

Il gonfiore addominale può essere causato da diverse condizioni, tra cui eccesso di gas intestinale, stitichezza, sindrome dell'intestino irritabile (IBS), intolleranze alimentari e altri problemi gastrointestinali. Se il gonfiore è dovuto a una di queste cause, gli esercizi addominali non risolveranno il problema sottostante.

Tuttavia, un'area addominale forte e tonica può contribuire a migliorare la postura e il sostegno dell'addome, il che potrebbe avere un impatto sulla percezione della distensione addominale.

Inoltre, l'esercizio fisico regolare, compresi gli esercizi addominali, può favorire una migliore regolarità intestinale e la salute generale del tratto digestivo.

Quindi, mentre gli esercizi addominali possono essere parte di un regime di fitness generale e contribuire a migliorare la forza e la tonicità muscolare, non sono necessariamente il trattamento principale per ridurre il gonfiore addominale.

È importante affrontare le cause sottostanti consultando un medico e adottando uno stile di vita sano che includa una dieta equilibrata, esercizio fisico regolare e gestione dello stress.

flora batterica esempio alterazione rimedi gas pancia gonfia maggior parte meteorismo aria sintomi tensione disturbo
Addominali: non servono a molto se non integrati in un percorso di fitness completo